Governo Conte: oggi la fiducia al Senato, domani la Camera

Il governo Conte è alla sua prima prova. Oggi, infatti, è previsto al Senato il voto di fiducia per dare ufficialmente il via al “Governo del Cambiamento”. Domani si passerà alla Camera. A mezzogiorno è atteso il discorso del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. L’unica incognita? Sicuramente i numeri della maggioranza.

Primo test per il Governo Conte

Dopo il giuramento al Quirinale dello scorso venerdì davanti al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Governo Conte si appresta ad intraprendere ufficialmente il suo cammino. Alle 19.30, infatti, è previsto il voto di fiducia al Senato, domani mattina si passerà alla Camera. Come di consueto, il Presidente del Consiglio si presenterà in Parlamento ad esporre ai senatori il programma di governo, per poi recarsi alla Camera a depositare il suo discorso. Non ci si aspetta sorprese su questo frangente: quasi sicuramente Conte esporrà tutti i punti presenti nel “contratto di governo” stilato da Lega e Movimento 5 Stelle nelle scorse settimane. Saranno presenti tutti i ministri, ad eccezione di Matteo Salvini, impegnato al Consiglio dei Ministri degli Interni dell’Unione Europea a Lussemburgo.

Incognita numeri

La vera incognita della giornata di oggi saranno sicuramente i numeri a disposizione del nuovo governo. La fiducia non è in discussione: sia Lega e M5S dovrebbero raggiungere la maggioranza in entrambe le camere. La situazione in Senato, però, è un po’ più complessa del solito, in quanto il raggiungimento del numero avverrà quasi sicuramente per il rotto della cuffia. Difatti, a Palazzo Madama i due partiti possono contare 167 voti certi, 6 in più di quelli necessari, al quale si potrebbero aggiungere altri 4 voti, 2 di due ex senatori M5S, ed altri 2 di esponenti delle Maie. Per quanto riguarda gli altri partiti, Fratelli d’Italia dovrebbe astenersi, mentre PD e Forza Italia dovrebbero stare all’opposizione.

Cosa accadrà dopo?

Dopo aver ottenuto la fiducia in Parlamento, il Presidente del Consiglio Conte volerà in Canada per il summit del G7. Il primo vero debutto del professore nella politica internazionale.

Lascia un commento