Come prepararsi per un esame universitario e ottimizzare il tempo

Come prepararsi per un esame universitario senza andare di matto, sprecare del tempo o farsi prendere dall’ansia? La transizione da studente di liceo a universitario può essere complicata, considerando il cambio di metodo di istruzione, la maggior difficoltà delle prove da sostenere e una differente gestione del tempo. Inoltre, al primo anno, per molti può può risultare non semplice adattarsi al cambiamento da un punto di vista ambientale. Ecco alcune dritte da tenere a mente per studiare efficacemente in visione dei prossimi esami!

LEGGI ANCHE: Come rimanere svegli per studiare: dritte furbissime!

Segui le lezioni e stai al passo

Il primo consiglio è il più scontato, ma, spesso, anche il meno seguito: seguire le lezioni in aula e studiare il programma di studio passo per passo è certamente il modo migliore per alleggerire il carico di studio e rendere l’apprendimento più agevole. Certamente, non è sempre facile, tra cicli di lezioni da seguire, impegni e, ammettiamolo, distrazioni, varie, riuscire a dedicare un impegno costante e quotidiano allo studio, di certo però ne vale la pena impegnarsi in questo. D’altronde, se stai leggendo questo articolo è facile immaginare che tu non l’abbia fatto.

Organizza il materiale di studio

Non c’è niente di peggio, quando si prepara un esame, di accorgersi a lavoro iniziato che il materiale didattico a disposizione è incompleto. Prima di pianificare le tue giornate di studio, fai un check generale di tutto ciò che ti occorre: libri di testo, appunti, slides, ecc., procurati ciò che ancora non hai e, a quel punto, parti!

Organizza un piano di studio

Per ottimizzare i tempi, motivarsi e tenere a bada l’ansia, non c’è niente di meglio che organizzare un plan di studio. L’ideale sarebbe pianificare l’intero ciclo di preparazione, settimana per settimana, stimando il numero di ore giornaliere che investirai, considerando la difficoltà dell’esame, eventuali impegni, giorni di riposo (qualora tu li abbia previsti). Cerca di stilare un programma verosimile, ad esempio stimando un numero di pagine da studiare che sia alla tua portata e calcolando qualche giorno per il ripasso.

Distribuisci gli sforzi

Cerca di distribuire le tue fatiche in modo omogeneo, alternando ad esempio argomenti ostici con altri più semplici o attività di ragionamento a compiti più meccanici, in modo da non sovraccaricare il cervello di nozioni e la mente di stress. Un programma armonico, in cui la mattina ti dedichi a esercizi ad alto quoziente di difficoltà e il pomeriggio opti per oneri meno faticosi ti permette di restare lucido durante tutta la fase di preparazione, tenendo a bada la tensione pre-esame.

LEGGI ANCHE: Metodi per studiare a memoria: 5 dritte per prendere 30!

Confrontati con i colleghi

Confrontarsi con i propri colleghi di università è sempre una buona cosa. Puoi condividere i tuoi dubbi, accrescere le tue conoscenze e capacità espositive, notare dettagli che ti erano sfuggiti. In generale, il confronto è sempre qualcosa da cercare e mai da fuggire. Magari, tieni a distanza i soggetti particolarmente ansiosi, potrebbero essere dannosi per la tua serenità.

Lascia un commento