Come trovare un lavoro estivo: 5 consigli utili

Come trovare un lavoro estivo che ti permetta di mettere da parte qualcosa in vista della ripresa delle attività autunnali? Durante l’estate, si sa, il mercato del lavoro cambia assetto, le attività prettamente stagionali aprono i battenti o intensificano in modo significativo la propria produzione. Per tale ragione, cercare un lavoro in estate richiede un approccio differente rispetto a quando si va a caccia di un impiego più duraturo e consolidato. Ecco la guida pratica alla ricerca di lavori in estate, come muoversi, dove cercare e le professionalità più richieste da giugno ad agosto.

LEGGI ANCHE: Come comportarsi ad un colloquio: ecco come ottenere il posto dei tuoi sogni

1. Scegli cosa vuoi e cosa puoi fare

Prima di iniziare a cercare il lavoro estivo che ti tenga occupato nel corso dei mesi caldi, è bene che tu abbia bene in mente quali sono le tue esigenze e le tue possibilità. Cerchi un’attività full time che ti tenga occupato a tempo pieno o hai bisogno di avere del tempo libero per dedicarti allo studio o ad altre mansioni? Qual è la tua priorità: mettere da parte dei soldi, acquisire nuove competenze, creare contatti utili? Senza porti le giuste domande (e darti le giuste risposte) la ricerca del tuo lavoro estivo può diventare confusionaria e crearti seri problemi di gestione! Se il tuo obiettivo è quello di mettere dei soldi da parte, la ricerca diventa più ampia e puoi andare a caccia della professione più remunerativa senza porti particolari domande; se, viceversa, vuoi investire il tuo tempo per acquisire nuove abilità, l’approccio alla ricerca sarà totalmente differente.

2. Adatta il tuo curriculum

Sicuramente, hai già creato un tuo curriculum e inserito in modo dettagliato tutte le tue esperienze passate, le tue competenze e tutto ciò che deve occorre per dare un’idea di sé presso aziende e attività di vario genere. Ciò, però, non è sufficiente. Il consiglio è di adattare il proprio curriculum vitae in relazione al destinatario. Se ti stai proponendo per un lavoro nel campo della ristorazione, ad esempio, è opportuno che tu metta in risalto le esperienze e abilità che hanno a che fare con il settore, dunque se hai avuto a che fare con lavori da cameriere o in cucina, cosa sai fare in relazione al settore, ecc., mettendo in secondo piano ruoli e competenze che poco hanno a che fare con il comparto. Se hai intenzione di proporti presso un’agenzia di servizi, evidenzia esperienze pregresse nel settore, rafforza la tua presentazione attraverso un portfolio di lavoro, certificazioni e tutto ciò che possa rendere più autorevole la tua candidatura. In tutti i casi, chiedere a un vostro ex datore di lavoro di scrivere una lettera di presentazione per voi non può che essere un valore aggiunto prezioso!

3. Come cercare il lavoro adatte a te

Una volta che hai compreso con esattezza che tipo di lavoro vuoi svolgere, puoi procedere con la selezione delle realtà che fanno al caso tuo. Per cominciare, puoi recarti presso l’ufficio di collocamento della tua città, proporti e chiedere un elenco delle proposte disponibili; non farci troppo affidamento, spesso la risposta dell’impiegato è negativa. Le alternative, d’altra parte, sono innumerevoli: sul web esistono numerosissimi siti per la ricerca di lavoro: puoi eseguire ricerche in base al ruolo cui ambisci o alla località in cui ti piacerebbe operare. Non trascurare le opportunità offerte da LinkedIn, la piattaforma di social network dedicata al mondo del lavoro. Puoi proporti anche in prima persona, senza attendere di individuare l’annuncio che fa al caso tuo. In che modo? Diversi! Puoi proporti tramite i tuoi canali social, rivolgendoti ai tuoi contatti (e dunque a gente che ti conosce e sa qual è il tuo valore), inviare candidature spontanee sui siti web delle strutture e delle aziende che più ti interessano oppure, ancora meglio, presentarti di persona e chiedere di lasciare il tuo cv. Ricorda che i professionisti stimano e rispettano chi dimostra determinazione e spirito di iniziativa!

4. L’importanza di sapersi vendere

Dicevamo determinazione e spirito di iniziativa. Già, perché non basta saper fare qualcosa, è importante anche saperlo dimostrare! Sapersi vendere nel mondo del lavoro vuol dire presentare se stessi nel modo migliore possibile: contatta le aziende che ti interessano, insisti se non ricevi risposta, ma prima di farlo assicurati che la tua immagine sia impeccabile, curando alla perfezione il curriculum prima di inviarlo e vestendoti adeguatamente in sede di colloquio. Cerca di esaltare i tuoi punti di forza, supportando con foto, video, progetti sviluppati in passato e testimonianze le tue esperienze pregresse. Cura i tuoi account social, evitando di inserire nel cv il link al tuo profilo Facebook o Instagram privato; puoi creare una tua pagina professionale oppure puntare solo su LinkedIn. Nascondi ciò che potrebbe metterti in cattiva luce, dai risalto ai tuoi punti di forza!

LEGGI ANCHE: Come scrivere un curriculum: 5 dritte per avere successo

5. I lavori più richiesti in estate

I lavori che vanno per la maggiore in estate sono quelli relativi ai settori turistico, alberghiero, dell’organizzazione eventi e dello sport. Ovviamente, tutto sta a puntare sul ruolo più adatto a te. Il consiglio è di non cercare alla cieca, ma concentrarsi su attività che fanno parte del tuo background e delle tue competenze, dall’animatore turistico all’istruttore sportivo, dall’aiuto chef al receptionist. Se hai una buona parlantina e una bella presenza puoi puntare sul mestiere di promoter, se parli bene le lingue fai leva sulle attività a contatto con i turisti. Se non hai alcuna esperienza, non avere paura e rivendi la tua determinazione, il tuo entusiasmo e la tua voglia di metterti in gioco!

Lascia un commento