Formula 1 2021: le 7 gare mancanti alla fine del mondiale

Lo scontro dell’ultimo GP d’Italia della scorsa settimana ha probabilmente consacrato definitivamente una delle rivalità sportive più belle del nostro tempo: Max Verstappen, su Red Bull, e Lewis Hamilton, a bordo della Mercedes, sono distanti appena 5 punti in classifica generale, quando mancano 7 gare alla fine del Mondiale di Formula 1 2021: 226,5 punti per l’olandese, 221,5 per il britannico. L’inglese è a caccia della sua quinta affermazione consecutiva, l’ottava totale, che gli consentirebbe di staccare di una lunghezza la leggenda della Ferrari Michael Schumacher e di affermarsi come li pilota più vincente della storia.

LEGGI ANCHE: I mondiali vinti di Valentino Rossi: 125, 250, 500 e MotoGp

Finale del Mondiale di Formula 1: cosa aspettarci

Fino ad adesso, non possiamo certo dire che sia stato un Mondiale di Formula 1 tranquillo: la corsa iridata ha conosciuto diversi momenti di tensione altissima, culminati proprio nell’ultima gara andata in scena, quella del Gran Premio di Monza, in cui Verstappen ha praticamente travolto il proprio rivale, mettendo entrambi ko e, di fatto, lasciando il vertice della classifica invariato: ora mancano le ultime 7 gare e la tensione tra i due ha raggiunto i massimi storici.

Il Gran Premio di Sochi

Il 26 settembre sarà la volta del Gran Premio di Russia, a Sochi: lì, l’olandese della Red Bull dovrà scontare una sanzione, scaturita proprio dall’incidente di Monza, che lo vedrà retrocedere di tre posizioni sulla griglia di partenza: anche la prossima gara, dunque, si preannuncia tesissima. La difficoltà sale, gli errori ora acquistano un peso decisivo.

Via dall’Europa

Dopo Sochi, il circus si sposterà in Turchia, reintegrato in calendario solo l’anno scorso dopo un’assenza di 8 anni: l’anno scorso è stato Lewis Hamilton a trionfare, mentre Verstappen chiuse appena sesto. Dopo la gara di Istanbul, la Formula 1 sarà definitivamente lontano dall’Europa per le ultime 5 sfide.

L’America Latina

Tra fine ottobre e metà novembre, il nuovo teatro del mondiale sarà il Sud America, con ben 3 GP da disputare, rispettivamente, negli Stati Uniti (Austin, 24 ottobre), in Messico (Città del Messico, 7 novembre) e in Brasile (Interlagos, 14 novembre). In tutti e tre i circuiti si torna a correre dopo un anno di assenza, causata dalla riorganizzazione del calendario 2020 per via del Covid-19. Due anni fa, Hamilton vinse in Messico e Verstappen in Brasile; gli States vennero invece conquistati dal compagno di box dell’inglese Valtteri Bottas.

LEGGI ANCHE: Olimpiadi 2024: quando, dove, cosa sapere

Gli ultimi due GP dell’anno

La Formula 1 2021 chiuderà con due gare da disputare nel mese di dicembre, rispettivamente il 5 (GP d’Arabia Saudita) e il 12 (GP Abu Dhabi). Saranno dunque due luoghi esotici e caldi a mandare agli archivi uno dei campionati del mondo di Formula 1 più belli e appassionanti degli ultimi anni e che, comunque vada, segneranno l’interruzione del dominio assoluto Mercedes, quantomeno in ambito piloti. Il Gran Premio di Gedda esordisce proprio quest’anno e sarà il circuito cittadino più veloce del Mondiale, una gara appassionantissima e piena di incognite. Infine, il circuito di Abu Dhabi, un tracciato che piace a entrambi i piloti: Verstappen è il trionfatore in carica, Hamilton ha vinto le edizioni 2018 e 2019, oltre che a quelle del 2016 e del 2009: chissà se l’edizione di quest’anno sarà decisiva per l’assegnazione del titolo.

Lascia un commento