Elezioni Regionali 2020: i prossimi appuntamenti elettorali

Giovedì 14 novembre 2019 si è aperta ufficialmente la campagna elettorale per eleggere il prossimo Presidente di Regione in Emilia Romagna. Al PalaDozza, Matteo Salvini ha inaugurato la fase pre-voto, accompagnato da diversi rappresentanti della Lega e del Centro-Destra. Nello stesso momento, in Piazza Maggiore, migliaia di oppositori del Carroccio si sono dati appuntamento per manifestare il proprio dissenso alle posizioni del blocco sovranista. Ma l’Emilia Romagna non sarà l’unica regione chiamata alle urne nel 2020: sono in tutto 8, infatti, gli appuntamenti elettorali a livello di circoscrizioni regionali, fissati in date differenti: dunque, come nel 2019, non avremo la tornata elettorale unica.

LEGGI ANCHE: Che cos’è lo spread è perché è così importante?

Emilia Romagna e Calabria: 26 gennaio 2020

Le Elezioni Regionali 2020 si apriranno il 26 gennaio, quando i cittadini saranno chiamati a eleggere i nuovi Presidenti di regione in Emilia Romagna e in Calabria. Particolare attenzione sarà rivolta alle sorti della regione del Nord Italia, feudo PD che vacilla, dopo che il Centro-Destra ha già conquistato, nel 2019, la roccaforte dell’Umbria, oltre ad Abruzzo, Sardegna, Basilicata e Piemonte. Sia l’Emilia Romagna che la Calabria, al momento, sono governate dalla Sinistra.

Elezioni Regionali 2020: il Nord Italia

Le altre sei regioni in cui si voterà il nuovo presidente di regione non hanno ancora fissato una data di voto. In tutti i casi, salvo rinvii, si voterà tra maggio e giugno, ma non dovrebbe essere prevista una data unica e ogni circoscrizione agirà in autonomia. Per ciò che concerne il Nord Italia, le regioni che dovranno rinnovare il proprio Presidente saranno la Liguria e il Veneto. La prima, oggi, è guidata da Giovanni Toti, di Forza Italia, per cui Toti ha anche svolto il ruolo di coordinatore nazionale. In Veneto dal 2010 governa Luca Zaia, leghista e Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nel governo Berlusconi IV tra il 2008 e il 2010..

Elezioni Regionali 2020: il Centro Italia

Insieme all’Emilia Romagna, la Toscana e le Marche sono gli ultimi baluardi della Sinistra italiana. Le elezioni di primavera chiederanno ai cittadini di confermare o di dettare un nuovo corso governativo: Enrico Rossi, Presidente in carica in Toscana, è iscritto al Partito Democratico e, prima della sua elezione a Presidente nel 2010, è stato assessore regionale alla Sanità. Nelle Marche è in carica Luca Ceriscioli, ex sindaco di Pesaro e anch’egli membro del PD.

LEGGI ANCHE: Global Competitiveness Report 2019: Italia 30a economia al mondo

Elezioni Regionali 2020: il Sud Italia

Anche il Sud Italia vede due regioni coinvolte nelle Elezioni Regionali 2020 di primavera: la Campania e la Puglia. In Campania, l’attuale Presidente è Vincenzo De Luca del PD, ex sindaco di Salerno e dal 2015 a capo della Regione. Anche in Puglia è insediato un governo di Centro-Sinistra a guida di Michele Emiliano, già sindaco di Bari e candidato alle Primarie del PD nel 2018, per cui si era proposto come nuovo segretario, venendo però battuto sia da Matteo Renzi (vincitore) e sia da Andrea Orlando.

Lascia un commento