Matteo Salvini: titolo di studio, carriera, vita personale

Matteo Salvini è, insieme a Luigi Di Maio e più di Luigi Di Maio, il vero homo novus della politica italiana, nonostante la sua carriera politica sia stata avviata ben mezzo secolo fa, quando, nel 1993 e all’età di soli 20 anni, venne eletto Consigliere presso il Comune di Milano, già allora tra le fila leghiste. Qual è la storia del politico più amato, odiato e discusso del momento? Quale titolo di studio ha conseguito? Qual è la storia dei suoi affetti? La biografia di Matteo Salvini.

Matteo Salvini: percorso e titolo di studio

Nato a Milano il 9 marzo 1973, Salvini si iscrisse alla Lega Nord nel 1990, all’età di diciassette anni. Da lì a poco, conseguì il Diploma di Liceo Classico presso l’istituto ‘Manzoni’ del capoluogo meneghino. A 20 anni iniziò, senza mai portare a termine, gli studi presso la facoltà di Storia dell’Università Statale e, nello stesso periodo, iniziò la sua carriera politica, venendo eletto tra gli esponenti leghisti alle elezioni comunali, diventando consigliere comunale. Da quel momento, le velleità di studente dell’attuale leader del Carroccio cessarono di esistere, per lasciare spazio a quelle di uomo di politica.

La carriera politica di Matteo Salvini

Ne 1994, a un anno dalla sua elezione a consigliere, fu nominato responsabile cittadino del Movimento Giovani Padani, ruolo che svolse fino al 1997 guidando la corrente dei Comunisti Padani e conquistando appena 5 seggi (sugli oltre 200 disponibili) alle elezioni per il Parlamento della Padania. Nel 1998 venne nominato segretario provinciale della Lega Nord a Milano.

Nel 2004, venne avviata la carriera da europarlamentare di Salvini, eletto come Deputato al Parlamento Europeo nella circoscrizione nord-ovest, sempre per la Lega Nord. Nel 2006, abbandonati gli incarichi a Bruxelles, venne nuovamente eletto come consigliere comunale, ottenendo anche le cariche di capogruppo leghista in consiglio comunale e Vice Segretario per la Lega in Lombardia.

Il suo primo incarico nazionale giunse nel 2008, quando venne eletto come parlamentare del Governo Berlusconi, ruolo che abbandonò l’anno successivo per tornare ad occuparsi delle questione della UE in qualità, nuovamente, di Europarlamentare. Nominato nuovo Segretario della Lega in Lombardia nel 2012, l’anno successivo ottenne una nuova nomina parlamentare, ma abbandonò il ruolo nel primo giorno effettivo del nuovo Esecutivo per tornare per la terza volta ad occuparsi delle politiche comunitarie di Bruxelles.

Il 2018 fu l’anno della svolta: Matteo Salvini si presentò nelle vesti di nuovo leader del Carroccio, per la prima volta privato della dicitura ‘Nord’ e comunicato solo con il nome ‘Lega’, con il chiaro intento di privare il partito della propria connotazione territoriale e aprendo il gruppo a una base elettorale di portata nazionale. Nonostante, in seguito alle Elezioni Politiche, la Lega ottenne solo il 17% dei voti, il partito fu incaricato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare, insieme al MoVimento 5 Stelle (primo partito del momento), il nuovo esecutivo. Matteo Salvini venne così nominato Ministro dell’Interno e Vicepresidente del Consiglio dei Ministri.

Matteo Salvini: vita privata

Nel 2001, Salvini sposò Fabrizia, una giornalista che lavorava presso una radio privata e che lo rese padre di Federico nel 2003. Dopo il divorzio, avvenuto nel 2010, conobbe Giulia, con cui avviò una significativa relazione e da cui ebbe la sua secondogenita, Mirta. Anche tale relazione terminò e, nel 2015, il numero 1 del Carroccio iniziò una relazione con la conduttrice Rai Elisa Isoardi, conclusasi nel novembre del 2018.

Lascia un commento