Regole del curling: come si gioca a questo sport innovativo?

State sperimentando diversi sport invernali e tra questi volete conoscere le regole del curling? Partiamo dal presupposto che il curling è divenuto in breve tempo uno sport davvero molto diffuso per via delle sue regole intuitive e per la sua competitività. Tuttavia, si tratta comunque di un’attività ancora un po’ sconosciuta, in particolar modo per chi non mastica molto di sport invernali.
Scopriamo quindi che cos’è e quali sono le regole del curling per saperne decisamente di più.

LEGGI ANCHE: Regole del quidditch babbano: come giocare allo sport di Harry Potter

Regole del curling: cos’è innanzitutto

Il termine curling deriva dall’inglese curl e vuol dire roteare/roteando. È uno sport di squadra che si pratica su ghiaccio usando pietre in granito (dette stone) ed una scopa. Lo scopo del gioco è lanciare una di queste pietre, farle scivolare con l’aiuto della scopa e farle arrivare il più possibile verso un’area di destinazione formata da tre cerchi concentrici, chiamata “casa”.
Pare che il gioco sia stato introdotto per la prima volta in Scozia nel 1500 e che poi si sia diffuso sempre di più in particolare nei Paesi anglofoni.

Regole del curling: la squadra

Per giocare a curling è importante comporre una squadra di 4 giocatori. Il primo a lanciare è il lead, poi si passa al second, al third e in ultimo allo skip, il più esperto, a cui viene affidata la tattica dell’intera squadra ed è per questo che tira per ultimo.

Regole del curling: il gioco

La durata del gioco è di 8 manche e ogni giocatore deve effettuare il lancio per due volte. Per quanto riguarda il tiro, ogni giocatore lancia la stone dall’estremità del campo dandosi una leggera spinta col piede e scivolando sul ghiaccio sempre mantenendo l’equilibrio. Durante il momento del tiro, il giocatore si dovrà curvare, appoggiare delicatamente la pietra e tirarla con un movimento di polso.
Come per le bocce, vince chi riesce a far raggiungere la pietra vicino alla zona interessata, cioè la casa.

Dopo il primo tiro, chiamato delivery, entrano in gioco gli altri due giocatori che, precedendo di poco la stone e con l’aiuto delle scope di trine, ne puliscono la traiettoria sul ghiaccio in modo da allungarne il momento rotatorio. Questa azione si chiama sweeping e deve essere attuata in modo ortogonale e rispettando sempre il senso di direzione della pietra. Inoltre, deve essere effettuata sempre dallo skip o vice skip.

LEGGI ANCHE: Cos’è il krav maga, l’arte marziale molto in voga tra le donne

Regole del curling: punteggio

Più il numero di stone piazzate vicino alla home è maggiore, altrettanti maggiori saranno i numeri dei punti ottenuti. E sarà più semplice vincere.

Lascia un commento