Come far rifiorire le orchidee nel modo giusto e più rapidamente

Sapere come far rifiorire le orchidee è molto importante per chi desidera balconi e verande dai colori sgargianti e soprattutto colmi di intenso profumo. Non tutti, però, posseggono il cosiddetto pollice verde o comunque non tutti, nonostante la passione per il giardinaggio, riescono a curare le proprio orchidee nel modo giusto per farle rifiorire.
Qui di seguito vi sveleremo qualche mossa segretissima su come far rifiorire le orchidee in modo pratico e soprattutto in maniera impeccabile.

LEGGI ANCHE: Come lavare il tuo cane in modo naturale: consigli molto pratici

1. Come far rifiorire le orchidee: usate acqua e concime in modo non esagerato

Per far rifiorire le orchidee è sempre bene usare acqua e concime, ma senza strafare. Di fatti, proprio nel periodo della fioritura è sempre bene non esagerare troppo con il nutrimento della pianta. In aggiunta, vi consigliamo di usare in modo particolare il concime liquido in quanto più fibroso e ricco di potassio.

2. Come far rifiorire le orchidee: nutritela con la luce giusta

Le orchidee necessitano di luce ma non in modo eccessivo. Un ottimo modo per aiutare lo sviluppo dei fiori e mettere la vostra pianta di orchidea fuori dal balcone, in modo che venga “baciata” dai raggi solari più tiepidi e tipici del periodo invernale. In casa, evitate di esporre la pianta a fonti di calore, in modo particolare camini e caloriferi, per non danneggiarla o ridurre la sua crescita.

3. Come far rifiorire le orchidee: create uno sbalzo termico

Per far sì che spuntino nuovi steli, lasciate le vostre orchidee fuori casa per almeno due settimana (se ovviamente la temperatura si aggira tra i 10 e i 15°). In questo modo la pianta sentirà una sorta di brivido di freddo e riuscirà a crescere più velocemente. Potete anche ripiegare inserendola in luoghi piuttosto freschi e poco umidi come la rampa delle scale o uno scantinato.

4. Come far rifiorire le orchidee: quando e come potare

Volete sapere come far rifiorire le orchidee? Partite intanto da una corretta potatura. Accorciate lo stelo in modo rapido con l’utilizzo di forbici da giardinaggio apposite e tagliate un centimetro sopra il cosiddetto nodo, cioè il punto più tozzo dello stelo per non comprometterne la sua crescita.

LEGGI ANCHE: Come studiare una lingua da autodidatta e partendo da zero

5. Come far rifiorire le orchidee: pulite sempre la pianta

Pulire la propria orchidea può sembrare banale per alcuni e alquanto strano per altri. Ciò nonostante si tratta di un procedimento che va obbligatoriamente fatto se si desidera ottenere orchidee dall’aspetto sano. Prendete un panno morbido, bagnatelo con qualche goccia di acqua distillata e strofinate con molta delicatezza. Potete anche sostituire il panno con un batuffolo di cotone imbevuto con del succo di limone o aceto, per una maggiore idratazione e pulizia.

Lascia un commento