Joker: Easter Eggs e curiosità sul film con Joaquin Phoenix

Oltre 250 milioni di dollari incassati negli Stati Uniti e quasi 800 milioni in tutto il mondo: Joker, di Todd Phillips con Joaquin Phoenix nei panni del protagonista, è certamente il film evento del momento. La pellicola ha fatto discutere soprattutto per l’interpretazione magistrale di Phoenix e per l’inevitabile confronto con le performance degli altri grandi maestri della recitazione che hanno avuto l’onore e l’onere di portare sul grande schermo l’acerrimo nemico di Batman, Heath Ledger e Jack Nicholson su tutti. Il Joker di Phillips, però, è anche un contenitore di citazioni e Easter Eggs, molti dei quali occorre cercare con meticolosa attenzione e per nulla semplici da rintracciare. Ecco l’elenco dei più curiosi!

LEGGI ANCHE Che cos’è il 5G e come cambierà la navigazione mobile

L’occhiolino a Chaplin e a ‘Tempi Moderni’

In Joker, viene omaggiato in modo palese il film Tempi Moderni, di Charlie Chaplin. La pellicola, mostrata nella scena che si svolge nel cinema, è anche citata in modo più recondito: la dimensione psichica in cui versa Arthur Fleck, in effetti, sembra simile a quella di Charlot, entrambi oppressi da una società stritolante e che non si cura delle individualità, a difesa di un sistema sminuente e cinico.

Joker e i ‘Batman’ del passato

Numerosi sono in Joker gli ammiccamenti alle versioni passate di Batman, sia quelle filmiche che i fumetti. Il poster di Robert De Niro/Murray Franklin affisso mentre Arthur attende di essere ospitato negli studi del presentatore, ad esempio, raffigura De Niro in un ghigno considerato dai più un chiaro riferimento alla mimica del Joker di Jack Nicholson, della versione curata da Tim Burton. Il costume di Joker si ispira invece a quelli impiegati nella versione televisiva di Batman interpretata da Cesar Romero tra il 1966 e il 1968. La vita di Arthur raccontata da Phillips prende evidentemente spunto dalla versione fumettistica di Alan Moore The Killing Joke: anche lì, infatti, Joker, prima di diventare tale, è un attore fallito che muove nel contesto storico degli anni ‘50; inoltre, nella scena in cui Phoenix penetra di soppiatto in casa di Sophie, che egli crede la sua fidanzata, egli la informa di avere avuto “Una brutta giornata”, tipica espressione utilizzata nella versione con Romero. Citazione anche per Il Ritorno del Cavaliere Oscuro, miniserie a fumetti DC del 1968: anche lì, come nel film del 2019, vi è la scena di una sparatoria all’interno di uno studio televisivo durante la diretta di un talk show, solo che nel caso del fumetto, Joker uccide tutti i presenti e non solo quelli con cui pensa di avere un conto in sospeso.

La prima scelta era Di Caprio

Joaquin Phoenix non era la prima scelta della produzione, di cui avrebbe dovuto fare parte anche il regista Martin Scorsese. Quest’ultimo, infatti, avrebbe voluto Leonardo Di Caprio, di cui ha una considerazione smisurata, nei panni del folle criminale. Secondo altre versioni, Di Caprio era la carta che la Warner Bros avrebbe voluto giocarsi per coinvolgere nel progetto lo stesso Scorsese.

Joker si ispira a un vero serial killer?

Non sono pochi i punti di connessione tra il Joker di Phoenix e John Wayne Gacy, un serial killer realmente esistito e che, tra il 1972 e il 1978, rapì, seviziò e uccise 33 persone. Anche Gacy, come il Joker raccontato nella pellicola di Phillips, andava in giro vestito da clown – espediente che lo aiutò a catturare le proprie vittime – chiamato Pogo. Pogo’s è proprio il nome del locale nel quale Arthur si esibisce nel suo spettacolo di cabaret.

LEGGI ANCHE Global Competitiveness Report 2019: Italia 30a economia al mondo

Il film più economico della DC

I film nati dall’universo DC si contraddistinguono, solitamente, per la portata smisurata dei propri budget. Non è questo il caso di Joker, costato in tutto circa 65 milioni di euro, cifra che lo rende, tra i film che abbiamo scoperto negli ultimi anni al cinema, il meno costoso della DC. Wonder Woman, Aquaman e Suicide Squad sono costati tutti oltre i 150 milioni. Shazam!, film prodotto da Warner Bros., DC Entertainment e New Line Cinema sempre nel 2019 è costato invece 100 milioni di dollari, incassandone 362 in tutto il mondo, meno della metà di Joker.

Lascia un commento