Chi sono i talebani? Origini, ideologia e storia

Da diversi giorni, l’Afghanistan è tristemente diventato il centro del mondo mediatico e balza in testa alle notizie di cronaca internazionale a causa degli accadimenti che stanno sconvolgendo lo stato asiatico. Come sappiamo, i talebani hanno ripreso il controllo del Paese, instaurando un nuovo governo basato sulla legge coranica, la Sharia, e spazzando via anni di controllo politico e culturale occidentale. Ma chi sono i talebani? In cosa credono e come nascono?

LEGGI ANCHE: Nuovi prodotti Apple: iPhone 13 (e non solo) ad autunno 2021

Chi sono i talebani

Quando parliamo di talebani, spesso non sappiamo esattamente a cosa ci stiamo riferendo: si tratta di una etnia? Di un popolo? Di una setta religiosa? In realtà, nulla di tutto ciò. I talebani sono un’organizzazione di tipo politico e militare operante esclusivamente in Afghanistan e in Pakistan, stati confinanti tra loro. Il termine deriva dal persiano “ṭālebān”, traducibile come “studente”; tale termine, infatti, viene impiegato anche in Iran per designare gli studenti delle discipline coraniche e responsabili della prima alfabetizzazione dei più giovani attraverso l’utilizzo dei testi sacri della religione islamica.

Origine dei talebani

L’organizzazione talebana nasce a inizio degli anni ‘90 del XX secolo, in seguito alla caduta del Protettorato sovietico (febbraio 1989). Dopo la perdita del controllo sul Paese da parte dell’URSS, nel 1992 l’Afghanistan divenne uno stato indipendente – Stato islamico dell’Afghanistan. Tuttavia, il neonato governo si dimostrò molto frammentato. Ciò favorì la nascita e l’ascesa dei Talebani, i quali si organizzarono in milizie paramilitari e riuscirono a prendere il controllo della nazione nel 1996.

L’Afghanistan nelle mani dei talebani

I talebani imposero così un nuovo potere, basato sulla severissima osservazione della Sharia, ovvero un complesso di regole e imposizioni che dettano sia la legge di un popolo e sia le norme comportamentali cui attenersi per non andare incontro a spietate punizioni. In un senso metafisico, la Sharia è la Legge di Dio, mentre nel concreto essa si attua nel fiqh, la scienza giurisprudenziale che formalizza in leggi i dettami della Sharia. In pratica, sotto il controllo talebano l’Afghanistan divenne un emirato islamico oscurantista e gestito secondo le severissime prescrizioni religiose, interpretate in modo fondamentalista.

La liberazione dai talebani

I talebani restarono al potere fino al 2001. In seguito all’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001, infatti, gli Stati Uniti diedero avvio all’operazione Enduring Freedom, che si poneva l’obiettivo di distruggere il potere talebano e di annientare la rete organizzativa del gruppo terroristico Al-Qaida. L’obiettivo fu raggiunto nel novembre dello stesso anno, in poco più di un mese di operazioni belliche.

LEGGI ANCHE: Olimpiadi 2024: quando, dove, cosa sapere

La restaurazione Talebana

Negli anni successivi, le milizie americane e quelle NATO sono rimaste a presidio del Paese asiatico, fino al gennaio del 2020, quando l’allora Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha stabilito il totale ritiro delle truppe. L’operazione di ritiro è stata attuata dal suo successore Joe Biden. Tuttavia, in pochi mesi i talebani hanno approfittato del ritiro dei contingenti NATO e USA, riconquistando territori e attaccando le fragili milizie governative, fino a riprendere il controllo di Kabul, la capitale afghana, lo scorso 15 agosto.

Lascia un commento