Estate 2020 e meteo: che temperature ci attendono?

Il 20 giugno scorso si è ufficialmente aperta la stagione estiva. Certamente, l’estate 2020 sarà molto diversa, dal punto di vista turistico e non solo, rispetto a tutte quelle che l’hanno preceduta. Saranno in tantissimi, quest’anno, a scegliere di viaggiare in Italia, per ovvie ragioni inerenti il Covid-19 e il conseguente lock down. Diventa dunque estremamente interessante provare a intercettare i macro trend relativi alle condizioni meteorologiche che riguarderanno l’Italia, con particolare attenzione ai mesi clou di luglio e agosto. Come sarà, climaticamente, l’estate 2020?

LEGGI ANCHE: Mete Italia estate 2020: le località più gettonate

Arriva la ‘vera’ estate: da giugno, stabilità climatica

Il mese di giugno, fino a questo momento, è stato caratterizzato da forte instabilità, temperature sotto la media e ampie precipitazioni. Già dall’ultima decade del mese, però, l’Anticiclone delle Azzorre dovrebbe portare un nuovo equilibrio, con temperature finalmente in linea con la media stagionale e stabilità, che permetterà ai bagnanti di recarsi a mare, godendo del bel sole di giugno.

Un luglio perfettamente nella media

Il Centro Europeo, che si occupa di previsioni meteorologiche a medio termine, ipotizza che l’estate 2020 sarà all’insegna della stabilità. L’anticiclone africano, infatti, non si dovrebbe abbattere in tutto il suo carico di calore sulla zona mediterranea, facendo sì che la media delle temperature si mantenga all’interno dei limiti standard. Il mese di lugliosarà all’insegna di temperature in linea con la media del periodo e picchi al massimo di mezzo grado scostanti dallo standard.

Agosto piacevole e senza bombe di calore

A differenza degli ultimi anni, neppure ad agosto dovremmo assistere a particolari picchi di caldo. Quest’anno, la pressione oceanica avrà la meglio su quella africana, scongiurando il rischio di un’estate rovente e con temperature massime che si aggireranno intorni ai 35 gradi. I luoghi maggiormente esposti al caldo saranno le pianure dell’area settentrionale, la Puglia e le zone siciliane e sarde distanti dalla costa.

LEGGI ANCHE: Moda estate 2020: le nuove tendenze dei prossimi mesi

Rischio siccità

Le precipitazioni potrebbero essere molto scarse, esponendo i terreni agricoli al rischio siccità. Le catene montuose del Nord Italia saranno soggette a precipitazioni nella media, mentre nel resto della Penisola è previsto scarso apporto di acqua dal cielo. Il campo di alta pressione persistente potrebbe infatti impedire alle precipitazioni di raggiungere vaste zone del Centro-Sud Italia, specie nei mesi di luglio e agosto.

Lascia un commento