Sistema solare: scoperto The Goblin, un nuovissimo pianeta mai osservato prima

È stata annunciata la presenza di un nuovo pianeta all’interno del nostro Sistema Solare: si chiama The Goblin, un corpo extrasolare piccolissimo, lontanissimo dalla Terra e che completa un’orbita intorno al Sole ogni 40 mila anni. La notizia di The Goblin, però, ha reso ancor più concreta un’altra teoria: la presenza di un’altro pianeta molto più importante e che influenzerebbe l’orbita di tutti gli altri corpi celesti del Sistema Solare: Pianeta 9.

LEGGI ANCHE: Nasa lancia Tess, il satellite a caccia di nuovi pianeti

The Goblin: una scoperta sorprendente

È stato l’Astronomical Union’s Minor Planet Center , a scoprire la presenza di un nuovo oggetto extrasolare grazie ad una serie di osservazioni di un team di soli astronomici. Si chiama 2015 TG387, anche se è stato ribattezzato The Goblin (Il folletto). Il motivo di questo nome così curioso? Innanzitutto la data della prima osservazione che coincide con il giorno di Halloween del 2015 e poi per riprendere le prime due lettere della sigla.
Si tratta di un pianeta piccolissimo con diametro di soli 300 km. Si trova in una posizione molto lontana dalla Terra per cui è molto difficile da vedere, tuttavia è stato osservato dagli astronomi mentre si trovava in perielio, cioè molto vicino al Sole e ad una distanza di 80 unità dalla stella.

LEGGI ANCHE: Google: inventato un algoritmo in grado di prevedere la nostra morte

Perché la scoperta di The Goblin è così importante?

La scoperta di The Goblin ha fatto riaffiorare un’altra teoria molto discussa: la presenza di un mastodontico nuovo inquilino all’interno del Sistema Solare che pare influenzi l’orbita di una serie di altri corpi extrasolari: Pianeta 9, o meglio conosciuto come Pianeta X. La teoria è stata annunciata nel 2014 da due astronomi, Chad Trujillo e Scott Sheppard, che avanzarono l’ipotesi della presenza di un noto pianeta ai confini nel sistema solare, che sfuggiva da ogni studio e telescopio ma in grado comunque di influenzare l’orbita di alcuni oggetti, in particolar modo quelli trasnettuniani, cioè vicini al pianeta Nettuno.
E lo stesso Sheppard ha spiegato la scoperta di The Goblin così:«Più ne troviamo, meglio possiamo comprendere il Sistema solare esterno e il presunto pianeta che pensiamo plasmi le loro orbite».
Esiste davvero il Pianeta X, quindi? Impossibile dirlo. L’unica certezza è che il nostro Sistema Solare racchiude molte più “presenze” di ciò che si potrebbe pensare.

Lascia un commento